Olio Di Baobab 50ml

Esaurito

Uso dell'olio di baobab

Usato esternamente come alleato della pelle e dei capelli, è un valido olio vegetale anti invecchiamento e antiossidante, apprezzatissimo perchè levigante, rinforzante ed emolliente, è un olio in grado di nutrire in profondità e proteggere dagli agenti atmosferici.

L'olio di baobab per la pelle

Nello specifico, per la pelle del viso e del corpo si usa puro, massaggiando delicatamente sulla pelle umida qualche goccia, come antirughe e antietà, ma anche per chi ha la pelle particolarmente secca e ha bisogno di idratare e nutrire a fondo, per chi soffre di acne, psoriasi e pelle impura, per chi ha smagliature in fase iniziale; ottimo anche per le parti più delicate, come contorno occhi e pelle del collo, contrasta funghi e micosi e piaghe da decubito, arrossamenti e irritazioni.

L'olio di baobab si usa anche per lenire le scottature ed è utile per massaggi rilassanti.

Polvere di baobab per le difese immunitarie

L'olio di baobab per i capelli

Per i capelli è perfetto per donare vigore e salute, nutrendo i capelli sfibrati e con tendenza a spezzarsi, proteggendo dal freddo, dall'inquinamento, dal cloro e dalla salsedine.

Nutre a fondo i capelli, rendendoli morbidi e setosi se usato come maschera idratante prima dello shampoo, oppure come balsamo, dopo lo shampoo, sulle punte da pettinare poi su tutte le lunghezze, quindi da risciacquare.

L'uso interno dell'olio di baobab

Usato internamente in purezza, l'olio di baobab aiuta a riequilibrare l'intestino e a contrastare disturbi e problemi connessi, incrementando così le difese e la forza dell'organismo.

La polpa di baobab è usata in Africa per dare energia anche a sportivi o a chi deve compiere un'intensa attività fisica.

Proprietà 

L'olio di semi di baobab è ricco di acido oleico, linolenico, linoleico, aminoacidi e vitamine (A, E, C); in particolare l'alto contenuto di vitamina C lo rende un olio lenitivo, levigante e calmante; le vitamine A ed E contribuiscono a nutrire a fondo.

9,50 €
Please select variants first